ESSERE SEMPRE SUL PEZZO NON È FACILE… AL LAVORO ANCORA MENO!

By | 4 Febbraio 2019

Ma un vero Imprenditore sa come gestire la pigrizia sul posto di lavoro

La tua Azienda è fiorente: un piccolo grande microcosmo che hai creato con le tue forze e che fai prosperare con il sudore della fronte e la forza della tua schiena.

I tuoi dipendenti sono la linfa vitale di questa piccola grande Impresa, senza i quali sarebbe impossibile gestire tutto quanto.

Però, diciamocelo… sono esseri umani anche loro, no?

Alcuni giorni li vedi indaffarati, produttivi, delle macchine da guerra che macinano scadenze su scadenze.

Altri giorni… be’, non proprio!

I tuoi dipendenti sembrano muoversi a rallentatore, sono cerebralmente assenti, arrivano a fine giornata concludendo appena metà del lavoro in programma.

Non è una tragedia, è normale e tu lo sai molto bene.

La pigrizia può capitare, non è un reato, non è un dramma e nemmeno qualcosa di irreparabile.

Dipende tutto da come TU, Datore di Lavoro, riesci ad arginare i suoi effetti, facendo in modo di rendere una giornata pigra utile comunque.

Se la pigrizia dilaga inarrestabile, stritolando i dipendenti nelle sue spire, allora è il caso di battere i pugni e mettere tutti in riga… ma in un’Azienda sana questa eventualità non si verifica mai.

Si tratta solo di una giornata moscia ogni tanto.

E, dunque, cosa fare in questi casi (che, ricordiamolo, non devono essere la norma all’interno della tua Azienda)?

Magari dai ordine di allentare un po’ la presa sugli obiettivi secondari di ognuno, mettendoli un attimo da parte e concentrandosi su quelli principali per fine giornata.

Sentendosi meno soffocati da scadenze urgenti, meno urgenti, finte urgenti, “non urgenti, ma è meglio fare tutto subito”, i tuoi dipendenti affronteranno la giornata di pigrizia in maniera meno traumatica, tornando il mattino dopo a normale regime.

Oppure si possono alternare momenti di dovere a quelli di piacere: nei giorni più duri, un paio di pause caffè (meglio tè deteinato, per non aumentare ulteriormente il nervosismo) o una passeggiata di cinque minuti fuori in terrazzo o in cortile in più, non uccidono nessuno.

Ovviamente, come abbiamo già detto prima, non deve essere la norma: una giornata ogni tanto è normale, ma già un giorno a settimana dovrebbe essere un campanello d’allarme per un Datore di Lavoro.

Un altro modo per alleggerire il carico, in quei giorni, può essere dividere un compito bello grande in tante piccole parti che si autoconcludono: il lavoro sarà sempre lo stesso, ma graverà in maniera minore sulle spalle del lavoratore affetto, suo malgrado, da pigrizia.

Tutti questi piccoli accorgimenti possono sembrare, ad un occhio inesperto e scettico, tante sciocchezze.

Chissene importa della pigrizia, i lavoratori devono lavorare e basta, sono pagati per questo!

Ma che storia è quella del dovere e del piacere, se sei a lavoro devi produrre e basta, non farti psicanalizzare dal capo!

Quante scuse, è solo questione di dipendenti poco abituati a faticare!

Sì, questi pensieri sarebbero logici se tu avessi a che fare solamente con dei macchinari e niente più.

Peccato che tu abbia a che fare con degli esseri umani esattamente come te, che hanno alti e bassi esattamente come te.

La cosa più stupida da fare è sottovalutare l’importanza dei cosiddetti “Giorni pigri”.

In quei giorni tu, Imprenditore, impari ad avere a che fare con i tuoi sottoposti; alleni la tua capacità di riportare la voglia di fare tra le truppe oppure la tua capacità di arginare il dilagare del dolce far niente.

In quei giorni tu, Imprenditore, puoi sfruttare l’occasione negativa per renderla positiva: perché questo clima? Cosa l’ha causato? Cosa posso fare per rimediare? Cosa posso fare per eliminare ciò che crea la pigrizia? Quanto spesso accadono queste giornate? È normale? Dovrei preoccuparmi?

Vedi, dunque?!

Un’ulteriore occasione di crescita per te.

Ci avevi mai pensato?

Ti è mai capitato di ritrovarti in una situazione di pigrizia totale?

Sapevi che potesse capitare?

Se hai trovato interessante questo tema, non perderti le prossime uscite de “Il Capo Sono Io”, in cui sarà sempre presente la rubrica di psicologia del lavoro: tutto ciò che un bravo Imprenditore deve affrontare per avere un team affiatato e pronto.

Per tutto quello che riguarda i tuoi dipendenti non esitare a contattare Studio Freccia, i Consulenti del Lavoro più veloci e precisi d’Italia, sempre pronti a rispondere ai tuoi quesiti e a ricercare le migliori soluzioni per te e i tuoi dipendenti.


Studio Freccia è lo Studio di Consulenza del lavoro più veloce e preciso d’Italia! 

Gestiamo le paghe dei dipendenti e la consulenza del lavoro della TUA AZIENDA in modo veloce e preciso, garantendo in tempi rapidi la risposta a qualsiasi quesito, senza dover aspettare 1 settimana per avere la risposta come sempre succede – e anche se all’improvviso hai bisogno di una consulenza lampo e hai il tempo contro.

In un mondo sempre più complesso e pieno di informazioni, risulta essenziale essere affiancati da un partner che conosca la normativa in modo approfondito.

La velocità e la precisione delle informazioni e degli adempimenti nella Consulenza del Lavoro sono il cardine su cui si basa l’attività di Studio Freccia.

CHIAMA SUBITO PER PRENOTARE LA TUA PRIMA CONSULENZA GRATUITA: 049 701273!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *