MIGLIORARE LE TUE DOTI DI COMUNICAZIONE PER MIGLIORARE L’AZIENDA

By | 4 Marzo 2019

E incrementare la produttività dei tuoi dipendenti

L’Imprenditore perfetto, ormai si sa, dovrebbe possedere un sacco di qualità peculiari che lo rendano il baniamino dei propri dipendenti, lo stimato partner commerciale dei suoi clienti, la persona migliore con cui fare affari per i suoi partners, un faro e un esempio per i propri collaboratori e molto altro ancora.

Qualcuno è riuscito ad eccellere in tutte queste qualità, diventando l’Imprenditore numero uno del proprio settore, mentre qualcun altro non è riuscito assolutamente ad applicarsi e, infatti, ha fallito su tutta la linea.

E poi c’è chi continua a lavorare su di sé e sulla propria figura professionale, per migliorare come persona, come manager, come titolare e far migliorare la propria Azienda.

Uno dei punti su cui queste persone si concentrano maggiormente è la COMUNICAZIONE.

La comunicazione è fondamentale in ogni aspetto della nostra vita: dalla sfera familiare a quella delle passioni che coltiviamo nel nostro tempo libero, dalle contrattazioni alle acquisizioni, dal rapporto con i partners fino a quello con i dipendenti.

In questo articolo ci concentreremo maggiormente sulla comunicazione tra la tua figura di Imprenditore e i tuoi sottoposti.

Quante volte ti saltano all’orecchio discorsi di dipendenti (non necessariamente i tuoi) che si lamentano dei propri manager o titolari?

Se ci fai caso, il problema del loro malcontento potrà sempre essere ricondotto ad un’unica causa scatenante: una cattiva o inesistente comunicazione tra le parti.

In uno dei numeri precedenti de “Il Capo Sono Io”, il nostro magazine, abbiamo dedicato un intero articolo all’importanza del feedback dei dipendenti.

Purtroppo (riprendendo quell’argomento) ci sono ancora moltissimi lavoratori che lamentano una mancanza molto grave, da parte dei propri dirigenti, per quanto riguarda l’ascolto delle opinioni, degli appunti, dei commenti, delle idee dei propri sottoposti.

Alcuni manager, addirittura, si macchiano di infamie come far passare per propri dei lavori ben fatti, senza concedere il merito a chi gli spetta, oppure creare un clima di terrore e sottomissione all’interno dell’Azienda, per cui nessuno osa esprimersi in merito a nulla, proseguendo il proprio lavoro a testa bassa e vivendo nella paura di aprire bocca.

Ovviamente, questi sono casi estremi, che magari avvengono solamente nelle grandi realtà aziendali, ma questo è un ottimo ritratto per farti capire la fondamentale importanza della libera comunicazione all’interno del team aziendale.

Pensaci; pensa a quale clima si instaurerebbe a causa della semplice e banale mancanza di comunicazione!

Dipendenti impauriti, che non hanno il coraggio di alzare gli occhi dalla loro postazione.

Un capo che dà ordini a destra e a manca, senza fermarsi un attimo a domandarsi:

<<Uhm… cosa ne penserebbero i miei dipendenti di questa cosa?>>

Dipendenti che eseguono gli ordini a macchinetta, magari accorgendosi di qualche errore, magari  trovandosi di fronte a cose che non hanno mai fatto, ma troppo impauriti per farlo notare o chiedere spiegazioni e aiuto.

Risultato?

Forse il 98% delle volte andrà bene e, magari di nascosto, i dipendenti riusciranno ad ingegnarsi per risolvere per il rotto della cuffia la situazione, raggiungendo il risultato e facendo fare bella figura al titolare.

Ma se, ad un certo punto, questi dipendenti, stanchi ed esauriti di essere trattati come dei semplici animali da soma, decidessero che, in fondo, non è di loro convenienza continuare a sputare sangue per riuscire a far fare bella figura a qualcun altro e continuare ad essere tenuti sotto?

Ecco che comincerebbero a saltare fuori i problemi e il manager comincerebbe a non fare più così bella figura con i partners o con i clienti; tutto questo non a causa della negligenza dei dipendenti che hanno eseguito alla lettera ciò che era stato loro ordinato… ma proprio a causa di una deficienza di capacità di comunicazione derivante dall’alto, dal manager stesso o direttamente dal titolare.

E tutto ciò solo per non aver instaurato un rapporto di fiducia e di stima con i propri dipendenti a causa di una comunicazione errata.

Come si può, dunque, avviare il miglioramento aziendale migliorando la comunicazione?

Le regole base sono 3: semplici come un mantra, ma non facili o scontate.

  1. ASCOLTARE

È facile dire: <<Ascolta>>. Tutti lo fanno, ogni giorno, altrimenti come si potrebbe vivere in una società civile?

Ebbene, ecco la notizia: pochissimi Imprenditori ascoltano.

Molti captano solo le parole, senza “ascoltare” anche il tono, l’inflessione, il modo, i gesti, lo sguardo, la cadenza… come vedi, le parole sono solo un decimo dell’ascolto.

Cogliere tutti i dettagli di una conversazione, significa essere maestri dell’“Ascolto attivo”, quello che ti permette di capire veramente il senso di una conversazione con il tuo dipendente e di farlo sentire veramente ascoltato e compreso.

  1. DELEGARE

L’abbiamo detto un sacco di volte: un capo, un manager, un titolare non può fare tutto da solo.

La delega è uno degli strumenti più utili e più difficili da usare per un capo.

Perché c’è comunque una parte di te che, per orgoglio, vorrebbe prendersi tutti i meriti.

Perché hai la mania del controllo e vorresti monopolizzare il lavoro (la mania del controllo non è una malattia da sconfiggere, anzi, è una delle caratteristiche di un capo, ma deve essere usata con giudizio).

Insomma, chi è capace di delegare e, quindi, di comunicare in maniera efficace al delegato cosa vuole che sia fatto, sa di avere il controllo di un’arma fondamentale, che permette di migliorare notevolmente la produttività aziendale.

  1. CONOSCERE

Ti sembrerà assurdo, ma alcuni datori di lavoro non conoscono nemmeno il nome dei loro dipendenti o sbagliano a scriverlo o a pronunciarlo.

Alcuni datori non si interessano minimamente alla vita dei propri dipendenti al di fuori dell’ambiente di lavoro; certo, il titolare non deve per forza invitare a cena ogni famiglia di ogni dipendente per entrare in sintonia con loro, ma almeno conoscere gli aspetti più rilevanti della vita di una persona che, per buona parte della giornata, mette il proprio tempo al suo servizio!

Non è un discorso new age da figli dei fiori: è questione di strategia anche questa.

Se conosci il tuo dipendente, sai quali sono gli angoli di attacco per spronarlo, per tranquillizzarlo, per caricarlo o per capire cosa c’è che non va, in caso di crisi sul lavoro.

Sapere è potere, anche in caso di rapporti di lavoro.

Solo tre punti, ma che fanno una differenza sostanziale tra il successo e la crisi aziendale.

Se anche tu vuoi migliorare le tue capacità comunicative o sbloccare alcuni punti che ostacolano il rapporto datore-dipendente o semplicemente trovare nuovi spunti per incrementare la comunicazione all’interno della tua Azienda, allora contatta i Consulenti di Studio Freccia al numero 049 701273.

Avrai una consulenza personalizzata sui punti comunicativi fondamentali da migliorare all’interno della tua Azienda oppure potrai partecipare a lezioni periodiche tenute dai nostri Consulenti in materia di Comunicazione e Gestione del Personale.


Studio Freccia è lo Studio di Consulenza del lavoro più veloce e preciso d’Italia! 

Gestiamo le paghe dei dipendenti e la consulenza del lavoro della TUA AZIENDA in modo veloce e preciso, garantendo in tempi rapidi la risposta a qualsiasi quesito, senza dover aspettare 1 settimana per avere la risposta come sempre succede – e anche se all’improvviso hai bisogno di una consulenza lampo e hai il tempo contro.

In un mondo sempre più complesso e pieno di informazioni, risulta essenziale essere affiancati da un partner che conosca la normativa in modo approfondito.

La velocità e la precisione delle informazioni e degli adempimenti nella Consulenza del Lavoro sono il cardine su cui si basa l’attività di Studio Freccia.

CHIAMA SUBITO PER PRENOTARE LA TUA PRIMA CONSULENZA GRATUITA: 049 701273!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *