"E se il tuo dipendente cambiasse
improvvisamente posto di lavoro?"

I metodi per trattenerlo in azienda più tempo possibile
Parte 1

Venerdì 9 agosto 2022

Il mese di settembre, con il suo corollario di rientri al lavoro, di buoni propositi e di energie da impiegare per i nuovi progetti, lo dedichiamo ad un argomento che sicuramente ti starà a cuore: la rentention di chi lavora per te.

Se non hai mai sentito questa parola prima d’ora ti diciamo subito che si tratta di azioni da mettere in campo per cercare il più possibile di trattenere i dipendenti nella tua azienda.

Già stai pensando che ti sembra un’impresa impossibile?

No!

La buona notizia è che esistono delle dritte utili che possono indirizzare i titolari d’azienda verso una strategia mirata di retention dei dipendenti.

Te ne parliamo a partire da oggi e nei prossimi articoli del nostro blog.

Le dimissioni in massa o la difficoltà di trovare personale: due trend tipici di questi ultimi anni

Dalle piccole imprese alle grandi società, le cosiddette “Grandi Dimissioni” (nel senso dei numeri) stanno colpendo duramente le aziende.

Prendiamo l’esempio degli Stati Uniti, che spesso rappresentano la cartina di tornasole delle condizioni economiche anche europee (ed italiane, di conseguenza).

Ebbene, nonostante le devastazioni del COVID-19 (che anche in Italia ha dato una bella botta alle aziende), un record di 4,3 milioni di americani ha lasciato il lavoro ad agosto, con ben 10,4 milioni di posti di lavoro aperti e i dipendenti a metà carriera stanno guidando l’esodo.

Questo sta accadendo anche nel nostro Paese, sebbene con numeri molto più limitati, va detto.

Il risultato?

Un mercato del lavoro altamente competitivo in cui molte aziende faticano a trattenere i dipendenti e ad attrarre nuovi talenti.

I dati suggeriscono che anche questa tendenza non sta rallentando.

In pratica più di 4 lavoratori su 10 stanno valutando la possibilità di lasciare l’attuale impiego, data anche dalla disponibilità di posti di lavoro e dalle nuove opportunità aperte dal passaggio al lavoro a distanza.

I dipendenti che restano, intanto, osservano che i loro colleghi se ne vanno, e i loro carichi di lavoro spesso aumentano.

Questo può portare a una spirale discendente di partenze e stress.

I dipendenti frustrati e oberati di lavoro hanno meno probabilità di lavorare al massimo, il che significa che il prodotto o il servizio dell’azienda ne risente e i clienti hanno interazioni più negative con l’azienda.

La soluzione passa solo da un'accurata strategia di retention

L’unica soluzione per fermare questa catastrofe è quella di trattenere i tuoi dipendenti in azienda.

Dovrai applicare quella strategia che in gergo viene definita “Retention”.

Ora come vedi il termine prende un significato netto.

Quello che dovrai fare perciò è fidelizzare quanto più puoi i tuoi dipendenti, perché come vedi a loro non basta più un semplice stipendio, ma serve qualcosa di più.

Del resto, hai impiegato molto tempo e fatica per costruirti un team aziendale degno di questo nome: una selezione dura, un processo di recruiting portato avanti senza dimenticare niente, ed ora come imprenditore sei davvero soddisfatto.

Cerca perciò di non cantare vittoria troppo in fretta!

Già, perché se vuoi ritenerti sicuro dei tuoi dipendenti devi costantemente motivarli e fidelizzarli.

Come fare a trattenere i tuoi dipendenti più validi in azienda?

In un’epoca in cui le aziende competono per i migliori talenti, i leader stanno incanalando i loro sforzi per coinvolgere e trattenere la loro forza lavoro globale come fare allora per trattenere a lungo i tuoi dipendenti più validi in azienda?

Con compensi e benefici più alti?

Certo, questi spesso sono fattori decisivi quando si contemplano diverse opportunità di impiego.

Ma l’attuale forza lavoro è alla ricerca di qualcosa di più di un semplice stipendio competitivo: devi considerare anche fattori come le opportunità di crescita professionale e l’accesso a programmi di apprendimento e sviluppo.

I dipendenti ora danno la priorità al tempo personale, alla salute mentale, al benessere e all’equilibrio tra lavoro e vita privata più che mai.

Tu come imprenditore devi allora prima comprendere le esigenze dei dipendenti per soddisfarle: per raggiungere questo obiettivo esistono i professionisti delle risorse umane e delle problematiche del lavoro, come Studio Freccia.

Il nostro modo di lavorare è quello di impiegare competenze specifiche per migliorare l’esperienza dei dipendenti e supportare l’impegno e la fidelizzazione a lungo termine per i team di lavoro.

La prossima settimana cominceremo a vedere queste strategie una ad una.

Stay tuned! 😃

Torna su