“I 7 segnali che il tuo dipendente sta per lasciarti”

Venerdì 8 dicembre 2023

Come titolare d’azienda, sei sempre in prima linea per far crescere la tua impresa, vero?

Ma c’è una cosa che, a volte, sfugge anche ai migliori: i segnali che un tuo dipendente è sul punto di lasciare l’azienda.

Riconoscerli in tempo può fare la differenza tra una grossa perdita e una grande rimonta.

Ecco qui di seguito i 7 segnali d’allarme da non sottovalutare. MAI.

 

Segnale #1

📉 Calo di produttività 📉

Un dipendente che inizia a produrre meno o la cui qualità del lavoro cala notevolmente, potrebbe avere già la testa altrove.

Fai molta attenzione a questi cambiamenti!

 

Segnale #2

😕 Mancanza di entusiasmo 😕

Hai presente quel dipendente che è sempre un vulcano di idee e che ha la straordinaria capacità di trascinare tutto il team?

Ecco, se adesso sembra distaccato o disinteressato, inizia subito ad indagare: il conto alla rovescia per il suo abbandono è appena cominciato.

 

Segnale #3

📈 Aumento dell’assenteismo 📈

Se un lavoratore comincia a fare molte assenze, arriva in ritardo o se ne va via prima, potrebbe essere un indizio che sta cominciando ad essere attratto da altro.

 

Segnale #4

😣 Cambiamenti nel comportamento 😣

Un dipendente che prima era socievole ed ora si isola, può indicare un forte disagio, che potrebbe portarlo a considerare altre opzioni lavorative.

 

Segnale #5

😒 Meno impegno nelle attività aziendali 😒

Partecipava a tutte le iniziative, perfino a quelle extra-lavorative… e ora se ne sta sulle sue e declina ogni invito ?

Questo isolamento è sicuramente un campanello d’allarme da tenere sott’occhio e disinnescare quanto prima.

 

Segnale #6

🤫 Conversazioni personali top-secret 🤫

Se noti che il tuo dipendente chiede spesso permessi e, nelle pause, se ne sta in disparte, attaccato al suo telefono personale, potrebbe avere dei problemi personali a casa, oppure si sta mettendo in contatto con potenziali nuovi datori di lavoro.

 

Segnale #7

❓ Richiesta di informazioni sui benefit ❓

Un interesse improvviso per i dettagli del proprio pacchetto di benefici, soprattutto quelli legati al TFR, potrebbe essere già un segnale definitivo: meglio non arrivare mai a questo punto.

 

*   *   *

Tieni sempre d’occhio l’insorgere di questi segnali: cerca un dialogo aperto con il tuo dipendente, esplora le sue motivazioni e cerca di capire se c’è qualcosa che puoi fare per migliorare la sua situazione.

A volte, un semplice riconoscimento in più o un cambiamento interno può fare la differenza.

Ricorda: il tuo obiettivo è creare un ambiente di lavoro stimolante e gratificante, dove i tuoi dipendenti si sentano valorizzati e parte integrante del successo aziendale.

E tu? Hai già notato qualcuno di questi segnali nei tuoi dipendenti? Come hai reagito?

Condividi la tua esperienza con noi e ricorda: prevenire è meglio che curare! 😉

P.S.

Continua a seguirci anche  su LinkedIn e sui nostri canali YouTube e Telegram per ulteriori informazioni